La Brussa e la Vallevecchia

Una magia senza confini tra terra e mare

Il nuovo servizio barca che collega Bibione alla Brussa e alla ValleVecchia, rappresenta la vera novità della stagione 2019 per gli amanti delle due ruote. Basterà imbarcare la biciletta e attraversare le placide acque lagunari per visitare uno dei maggiori sistemi dunali litoranei d’Italia: la ValleVecchia. Descritta anche dallo scrittore americano Ernest Hemingway nel libro “Di là dal fiume e tra gli alberi", è un’isola che si estende per circa 9 km sulla costa veneta compresa tra Bibione e Caorle. Circondata da acque lagunari, fluviali e marine, conserva ancora la sua quasi naturale integrità grazie ad uno tra i più estesi tratti di spiaggia non urbanizzata dell’alto Adriatico. Caratterizzata da dune sabbiose, arenile, pinete, stagni e campi coltivati, è uno dei pochi luoghi ove è ancora possibile osservare la fauna tipica dei litorali sabbiosi, oltre a molti endemismi dovuti alla particolare posizione geografica, che la vede come una sorta di “terra di mezzo” tra oriente ed occidente. Gli ornitologi hanno censito oltre 150 specie di uccelli: una sorta di santuario avifaunistico a cielo aperto, dove è facile individuare cigni, aironi e falchi, cavalieri d’Italia e anatidi in genere. Attrezzata con un Museo naturalistico e sentieri didattici risulta un’escursione interessante ed istruttiva da fare in compagnia dei propri bambini.

In alternativa all’attraversata su barca, in località Prati Nuovi, lungo il canale Taglio c’è un ponte ciclabile che unisce direttamente Bibione con la Brussa e la ValleVecchia.

All’andata e al ritorno è possibile anche degustare le specialità enogastronomiche locali nelle accoglienti locande, trattorie e osterie fra la Brussa e ValleVecchia.

INFO PERCORSO

Lunghezza: andata e ritorno circa 50 km
Difficoltà: è consigliata una mountain bike e un po’ di allenamento
Durata: 1 giorno circa

 

Bibione_brussa_vallevecchia